33 giriArtistivideo

Led Zeppelin 1969

I Led Zeppelin, gruppo britannico, si formano nel 1968, dopo che il chitarrista Jimmy Page lascia The Yardbirds, recluta il bassista John Paul Jones, il batterista John Bonham ed il cantante Robert Plant, formando questa nuova band che sarebbe diventata uno dei più importanti gruppi rock della storia.
La loro musica, le cui radici affondano in generi diversi, ha costituito una formula completamente inedita per l’epoca.
Il gruppo, scioltosi nel 1980, anno della morte di John Bonham, fu composto per l’intero periodo della sua attività da Robert Plant (voce, armonica), Jimmy Page (chitarre), John Paul Jones (basso, tastiere) e John Bonham (batteria, percussioni).
In seguito alla morte di Bonham, Page e Plant hanno proseguito la propria attività musicale come solisti, ritrovandosi occasionalmente per esibirsi dal vivo nel corso di eventi commemorativi o celebrativi. I Led Zeppelin sono tra i gruppi di maggior successo commerciale: dal 1968 ad oggi il gruppo ha venduto oltre 300 milioni di dischi.
Il 10 Dicembre 2007 ci fu la loro storica reunion, un concerto di beneficenza tenutosi a The O2 Arena di Londra con Jason Bonham, figlio di John, alla batteria. La registrazione di questo concerto uscì nel 2012 con il film “Celebration Day”. Per questo concerto il gruppo è entrato nel Guinness dei primati per la “maggior richiesta di biglietti per una singola esibizione dal vivo”.
Il 12 gennaio 1995 i Led Zeppelin sono stati introdotti nella Rock and Roll Hall of Fame. In una classifica del 2003 la rivista Rolling Stone, li pone al 14º posto tra i 100 musicisti più importanti di tutti i tempi.
La discografia del gruppo comprende nove album in studio pubblicati dal 1969 al 1982:
1969 – Led Zeppelin
1969 – Led Zeppelin II
1970 – Led Zeppelin III
1971 – Led Zeppelin IV
1973 – Houses of the Holy
1975 – Physical Graffiti
1976 – Presence
1979 – In Through the Out Door
1982 – Coda


Led Zeppelin 1969
L’album inizia con un brano energico e aggressivo: “Good Times, Bad Times”, Jimmy Page non perde tempo a mostrarci di cosa è capace con degli assoli eccezionali.
“Babe I’m Gonna Leave You”, lenta ballata folk, si mostra intimista e struggente grazie anche all’interpretazione di un Plant in gran vena, oltre che agli stupendi arpeggi di Page.
Si prosegue col blues di “You Shook Me”, scritta da Willie Dixon e portata al successo da Muddy Waters, pezzo in gran parte strumentale utile a Page a mostrare di cosa era capace, mentre “Dazed And Confused” viene aperta dai rintocchi di basso di Jones, vero protagonista insieme al solito Page, che si diletta nell’ennesimo assolo di questa canzone.
Ancora Jones si rende protagonista, ma stavolta con l’organo, dell’intro di “Your Time Is Gonna Come”, brano rilassante e piacevole, facilmente orecchiabile; invece, nella strumentale e folk “Black Mountain Side”, è ancora Page a far da padrone, accompagnato da Vimar Jasani alle tabla, mentre la successiva “Communication Breakdown” è un pezzo veloce ed aggressivo, vero esempio di hard rock, dove si resta ipnotizzati dall’ assolo di Page.
“I Can’t Quit You Baby” è un’altra cover di Willie Dixon ed il disco si chiude con un brano vigoroso: “How Many More Times”, altro potentissimo blues che contribuirà a consacrare gli Zeppelin.

Tracce:
1. Good Times Bad Times
2. Babe I’m Gonna Leave You
3. You Shook Me
4. Dazed And Confused
5. Your Time Is Gonna Come
6. Black Mountain Side
7. Communication Breakdown
8. I Can’t Quit You Baby
9. How Many More Times

Formazione:
– Robert Plant – voce, armonica a bocca
– James Patrick Page – chitarra elettrica, chitarra acustica, pedal steel guitar, cori
– John Paul Jones – basso, organo, cori
– John Bonham – batteria, timpani, cori

Altri musicisti Viram Jasani – tabla

Tags
Mostra altri

Articoli correlati

Potrebbe interessarti anche...

Close

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.

Leggi di più