CronacaIntervisteNewsPrimo PianoSanitàScuola

Covid-19: Via libera dall’EMA alla terza dose di vaccino, intervista al dr. Domenico Biscardi, Genetista

Intervista al dr. Domenico Biscardi, Genetista

Via libera dall’EMA, Agenzia europea dei medicinali, alla terza dose di vaccino contro il coronavirus. Le autorità nazionali, ha spiegato il responsabile della strategia sui vaccini dell’Agenzia ” possono procedere in ogni caso con piani per somministrare dosi addizionali o richiami di vaccino, come misura proattiva per proteggere la salute pubblica, prima che una decisione da parte del regolatore possa essere presa. Questo tipo di decisioni sono pienamente comprese dall’Agenzia nel contesto di emergenza in cui siamo”.

Abbiamo intervistato il dr. Domenico Biscardi, Genetista

L’ obbligo vaccinale ventilato dal Governo, a fronte di 70 percento di persone inoculate e della possibilità delle terapie farmacologiche. Perché? Qual’ è il suo pensiero a riguardo?

Non esiste l’obbligo vaccinale, lo sancisce la Costituzione Italiana. Dovrebbero fare un TSO a tutti gli Italiani, per raggiungere l’obiettivo, la vedo francamente impossibile e la cosa , il solo averlo detto , da parte del governo, fa ridere.

Non esiste alcuna emergenza. Se fosse un vaccino che funziona, non farebbero questo folle lavaggio del cervello. Il virus covid-19 non esiste, non è mai esistito, non è nemmeno uscito dal laboratorio cinese, è rimasto li. Si tratta, infatti, di un virus ingegnerizzato in laboratorio. Nel coronavirus è stato immesso un filamento del virus hiv . Il dr. Barich ha insegnato ai Cinesi questa tecnica.

Il virus di Wuhan, lo garantisco, non è mai arrivato in Italia, non è mai stato isolato, quella sequenza creata in laboratorio è rimasta lì, a Wuhan. In questo momento, ci sono virus corona un po’ più forti, questo si, ma perché è stato modificato il sito di clivaggio forinico, cioè il sito della proteina spike che lega le sub unità  ace 1 e ace 2. Ha quindi più capacità di rilasciare rna, ma niente di che rispetto al nostrano coronavirus. Peraltro questi virus, sono scomparsi, anche la variante delta è innocua per l’uomo, essendo una variante BIRD, cioè aviaria.

L’ EMA consiglia di aspettare i trials fino al 2023, perché quindi il Governo utilizza il greenpass per indurre al vaccino, che, a detta di tutti, case farmaceutiche, medici e governo, non immunizza?

Ema, FDA, AIFA, hanno costruito ed utilizzato una retorica che ha portato a questo delirio. Il green pass non è costituzionale, quindi va abolito tout court. Non può quindi, a maggior ragione, essere usato per lavorare. Il lavoro è un diritto e un dovere. Il problema è che la massa della gente non riesce a contrapporsi alle proposte deliranti del governo, il green pass è una schedatura. Non da libertà di movimento, cosi come vogliono fare credere, ma piuttosto la decurta.

Il vaccino doveva essere dato solo a determinate persone in base ad età e patologie? Per quanto concerne le ospedalizzazioni, su disposizione ministeriale nei ” reparti covid” vanno solo i non vaccinati.

Il vaccino covid-19 non produce immunità, non produce quindi anticorpi, non avendo la sequenza del virus originale. Fa male a tutti, a maggior ragione agli immunosoppressi, alle persone con malattie autoimmuni, con problemi di tumori, chemio e radio terapie, neurologici, respiratori, le cosiddette persone fragili.

Fino a questo momento, sono decedute solo le persone vaccinate a questo virus che appunto, di fatto, non c è.

Scuola: perché tutti gli studenti in classe? L’anno scorso c è stata la possibilità della dad a a richiesta, grande battaglia politica a favore degli studenti fragili con conviventi fragili. Come commenta?

Siamo in un altro paradosso. Il contatto visivo e fisico fa bene a tutti, adulti, ragazzi e bambini. Il coronavirus del 2019, sequenziato già nel 2001, è stato come ho già detto ingegnerizzato. Per me in un’aula si può stare anche senza mascherina, non succede nulla. Anche il distanziamento è una sciocchezza, il virus non è campione di salto in lungo. Portare la mascherina crea danni alla respirazione, perché la persona respira la sua anidride carbonica e i batteri. L’80 per cento dei ricoveri ospedalieri sono di individui vaccinati, il restante di persone con problemi respiratori causati dall’uso prolungato della mascherina.

Maria Rosaria Voccia

Ti potrebbero interessare

Back to top button

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.

Leggi di più